Lunga trattativa quella condotta i giorni scorsi a Chiavari con tre deputati (udc / pd / pdl) per salvare 6 tribunali che assieme a quello di Chiavari, se pur meritevoli, sono stati soppressi dal decreto della Severino.

Presenti i rappresentanti di tutti i tribunali interessati, compreso Bassano del Grappa.

Riportiamo l’articolo del “Secolo XIX”

Tribunale, convegno a Chiavari

Chiavari – Alla fine, la buona notizia è arrivata: «Siamo riusciti a portare a casa l’impegno dei tre responsabili Giustizia a proporre un emendamento alla legge di stabilità che intanto rinvii l’applicazione del decreto legislativo del governo a data da destinarsi. È il primo passo, ma fondamentale» ha detto il presidente del comitato “Salva il tuo tribunale”, Gabriele Trossarello, al termine dell’atteso convegno all’auditorium di Chiavari organizzato dall’ordine degli Avvocati e dal comitato stesso sul futuro del Palazzo di Giustizia.

Anche se il confronto con i tre deputati Roberto Rao (Udc), Enrico Costa (Pdl) e Andrea Orlando (Pd) nel corso dell’incontro è stato spesso duro, e le critiche non sono mancate. La lunga scaletta ha previsto molti interventi: il procuratore Francesco Gozzi e la presidente del tribunale, Elisabetta Vidali, alcuni dei magistrati del tribunale di Chiavari, membri degli organi rappresentativi degli avvocati e dei magistrati e anche esponenti dei sei Comuni italiani il cui destino viaggia parallelo a quello chiavarese: Bassano del Grappa, Lucera, Pinerolo, Rossano, Tolmezzo e Alba-Mondovì. Questi ultimi non hanno voluto mancare l’atteso appuntamento e sono arrivati numerosi sin dalla Calabria per confrontarsi fra loro e con gli ospiti.

«Ci sono alcuni tribunali che sono stati soppressi e che però secondo noi rispettano i tre criteri indicati dal governo per la salvezza» ha detto Andrea Orlando, deputato del Pd. Tra questi, appunto, ci sarebbe anche quello di Chiavari.

© Riproduzione riservata

Annunci